Disturbi Somatoformi

 

Disturbo di Conversione

Il Disturbo da Conversione è una forma di somatizzazione, in cui i fattori mentali vengono espressi come sintomi fisici  simili a quelli di una patologia del Sistema Nervoso.

Si ritiene che il Disturbo da Conversione sia causato da fattori mentali, come lo stress e il conflitto, che il soggetto vive come (converte in) sintomi fisici.

I sintomi sono di due tipi: motori (alterazione dell'equilibrio e delle capacità di coordinamento, nodo alla gola, episodi di paralisi, ecc.) e sensitivi (convulsioni, allucinazioni, sordità, cecità e perdita della sensibilità tattile).

Non sono sintomi consci (chi ne è affetto non simula) e sono gravi abbastanza da causare un malessere significativo e interferire con le attività quotidiane.

Spesso compaiono dopo un evento psicologico o sociale molto stressante.

Il soggetto può manifestare un solo episodio nell’ arco della vita oppure diversi episodi che avvengono sporadicamente. Di solito, gli episodi sono di breve durata.

 

Per la Diagnosi di Disturbo da Conversione, è necessario che i sintomi non corrispondono a quelli causati da una qualsiasi patologia neurologica. Inoltre, i sintomi devono causare un malessere significativo e interferire con le attività quotidiane.

Sebbene il Disturbo da Conversione tenda a manifestarsi durante l’adolescenza o la prima età adulta, può comparire a qualsiasi età. 

 

Contatti

Dott.ssa Alessandra Gliro

Sede: Via Ridolfi 64 | Empoli, FI  50053

Telefono: 392-8120930

Mail: gliro.alessandra@gmail.com

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icona
  • Grey Google+ Icona